Chiedetelo alle compositrici

Dialogo attraverso la vita e l’ opera delle donne musiciste del tempo di Ludwig van Beethoven, Un’ esplorazione artistica a cura di Fiorella Romenzi e della pianista Antonietta Cappelli

Sono stupefatto! Non sapevo fossi in grado di comporre in modo così grazioso. In una parola, il tuo Lied è bello. Ti prego, cerca di fare più spesso queste cose.

Quest’attestazione di stima è riportata in una lettera di Wolfgang Amadeus Mozart inviata dall’Italia e rivolta alla sorella maggiore Maria Anna Walburga Ignatia Mozart . 

E’ datata 7 luglio 1770, lo stesso anno in cui nacque Beethoven.

Non c’è dato sapere se Nannerl (questo era il suo soprannome) compose ancora, perché della sua musica non ne è rimasta traccia, nemmeno del Lied che aveva entusiasmato il fratello.  A volte mi piace pensare che, comunque, in qualche esecuzione domestica la musica di quella che è ricordata semplicemente come “la sorella di Mozart” potesse essere stata eseguita e magari ascoltata proprio da Beethoven. Nannerl, suonava eccellentemente il clavicembalo, il fortepiano e il pianoforte e, a quanto pare, componeva egregiamente, talento che, se non avesse dovuto, per costrizioni sociali e familiari, trovare marito e accasarsi, avrebbe probabilmente espresso nel migliore dei modi possibili, come fu permesso al fratello. Sicuramente un’occasione mancata per la composizione! 

Il destino di Nannerl fu condiviso dalla maggioranza delle donne che vollero intraprendere la composizione, alle quali fu socialmente consentita l’esibizione, il virtuosismo canoro o strumentale, il palcoscenico e la luce della ribalta, ma non quel processo di pensiero da cui la musica nasce. Nonostante le costrizioni sociali e culturali del loro tempo, alcune riuscirono a dare alla musica un contributo che, ancora oggi, non trova alcun posto nella memoria collettiva.  I nomi dei compositori, se ci pensate, sono tutti maschili.

Il nostro sito non poteva dimenticare l’altra metà del cielo o considerarla solo come fonte d’ispirazione del Maestro di Bonn, così il Centro di ricerche musicali apre una nuova finestra sul mondo della musica dal titolo: 

 Chiedetelo alle compositrici-Dialogo attraverso la vita e l’opera delle donne musiciste del tempo di Ludwig van Beethoven.

Cercheremo, senza ambizione di esaustività, di esplorare la produzione musicale femminile nel periodo classico, un viaggio al femminile che avrà la sottoscritta e la prof. Antonietta Cappelli come guide. Siete pronti/e ad affrontare il viaggio ed esplorare, oltre agli inediti beethoveniani, anche questa parte poco conosciuta della musica classica? 

Allora avviamoci e che Nannerl ci aiuti!!!

Fiorella Romenzi

Auernhammer, Josepha Barbara

Auernhammer, Josepha Barbara

Vienna,

25 Settembre 1758 - 30 gennaio 1820

Mozart , Maria Anna Walburga Ignatia (Nannerl)

Mozart , Maria Anna Walburga Ignatia (Nannerl)

Salisburgo

30 luglio 1751 – 29 ottobre 1829

Gli esempi musicali e i video di queste pagine sono curati da Antonietta Cappelli. Chi volesse contattare l’ autrice, lo può fare tramite il nostro modulo di contatto.

I testi e i documenti di questa pagina sono stati scritti da  Fiorella Romenzi. Chi volesse  contattare l’ autore, lo può fare tramite il nostro modulo di contatto.