Unv. 9 (Hess 48) Allegretto, in mi bemolle maggiore, per pianoforte, violino e violoncello

Unv. 9 (Hess 48) Allegretto, in mi bemolle maggiore, per pianoforte, violino e violoncello – 1790-1792 – Biamonti 8.

Pubblicato da Jack Werner a Londra, Elkin e C., 1955, e da Willy Hess nel nono fascicolo dei Supplemente zur G.A., 1965. Il manoscritto fa parte della raccolta Kafka nel British Museum. Abbiamo spostato il trio da Hess 48 a Unv. 9, come giusta il nuovo catalogo delle opere di Beethoven, trattenendo a Biamonti 8 il frammento del secondo tempo di questo trio. 

Origine e pubblicazione: Composto probabilmente tra il 1790 ed il 1792 a Bonn. Nel 1955 Jack Werner pubblicò il frammento presso Elkin & Co. a Londra.
l’Allegretto, concepito come un minuetto con un trio, è sopravvissuto su un unico foglio nella miscellanea  di abbozzi detta  “Miscellanea Kafka”. Beethoven ha annotato la sezione del minuetto (122 battute) nella sua interezza ed esistono 13 battute di una parte per pianoforte della sezione del trio, dopodiché la notazione si interrompe alla fine della pagina. (Biamonti 8) Joseph Kerman considera il pezzo come un movimento di un’ opera più estesa, non completata o sopravvissuta (Kerman/Kafka Vol. 1 p. XV).

Il restringimento temporale sulla data di composizione al 1790-1792 si basa su studi papirologi effettuati da Keman e Douglas Johnson. Johnson fa notare, tra l’altro, che gli schizzi per le variazioni per pianoforte WoO 65 possono essere trovati su carta dello stesso tipo. Beethoven citò queste variazioni a Bonn nel 1790/91 (Kerman/Kafka vol. 2 p. 291; Johnson/Fischhof vol. 1.

Partitura autografa: GB-Lbl, Add. Mus. 29801 (“Kafka”), pagina 129.

Dimensioni: un foglio; 2 pagine di testo musicale. Carta: formato orizzontale, 23-24 x 39 cm, a doppia spaziatura. Provenienza: tra il 1860 e l’inizio del 1870 pervenuto ad Artaria a Vienna; probabilmente acquisito all’asta del 1827. – Johann Nepomuk Kafka, Vienna. – Acquisito nel 1875. Facsimile, descrizione e trascrizione: Kerman/Kafka. Prima edizione del frammento: 1955. Beethoven, Allegretto in mi bemolle (finora inedito) per pianoforte, violino e violoncello, ed. di Jack Werner, Londra: Elkin & Co. Ltd, New York: Galaxy Music Corporation. Partitura per pianoforte e 2 parti.

Bibliografia:  Johnson/Fischhof Vol. 1 P. 251. – Kerman/Kafka.

Nelle immagini a seguire gli originali, conservati alla British Library, Miscellanea Kafka, foglio 129 Recto e Foglio 129 Versus

Note al Buio – suggerimenti e confronti per un ascolto beethoveniano di qualità

Con uno slide delle registrazioni citate nell’ articolo – A cura di Federico da Roma.

“I consigli d’ ascolto contenuti nella rubrica “Note al Buio” sono curati da Federico da Roma. Chi volesse contattare l’ autore, lo può fare tramite il nostro modulo di contatto.

I testi e i documenti di questa pagina sono stati riveduti da  i nostri  revisori. Chi volesse  contattare il revisore, lo può fare tramite il nostro modulo di contatto.