WoO 162 Ta ta ta lieber Mälzel – (Ta ta ta caro Mälzel) Canone

WoO 162 “Ta ta ta lieber Mälzel” – (Ta ta ta caro Mälzel) Canone, 1815 circa, pubblicato a Lipsia, 1844, nel secondo fascicolo del Musik-krit. Repertorium aller neuen Erscheinungen im Gebiete der Tonkunst (repertorio delle novità apparse nel regno della musica) redatto da H. Hirschbach, Lipsia, febbraio 1844. GA. Numero 265/2 (serie 23 pagina 117/f) Bruers 205 KH (WoO) 162 – Nottebohm pagina 161/2, Thayer 168.

Il manoscritto originale è perduto. Secondo il racconto di Schindler, Beethoven avrebbe improvvisato questo canone, il cui tema è indico a quello dell’allegretto scherzando della ottava sinfonia, nella primavera del 1812, durante un banchetto di addio offerto a Mälzel. Nottebohm, però, nota che nel testo viene ripetuta più volte la parola “metronomo” (Grosser Metronomo, Banner der Zeit – grande metronomo bandiera del tempo), il nome che fu dato allo strumento misuratore della battuta, chiamato prima “cronometro musicale” (musikalischer Chronometer), soltanto nel 1815. Ora, soggiunge Nottebohm, è ben possibile che il canone sia stato scritto nel 1812. Ma le parole quali oggi conosciamo non possono essere anteriori al 1815.

Gli esempi musicali in MIDI di questa pagina sono curati da Pierre-Jean Chenevez. Chi volesse consultare o richiedere questi file, può contattare l’ autore tramite il nostro modulo di contatto.

I testi e i documenti di questa pagina sono stati riveduti da  Cristina  Rapinesi. Chi volesse  contattare il revisore, lo può fare tramite il nostro modulo di contatto.