WoO 48 Rondò in do maggiore, per Pianoforte

Allegretto

WoO 48 – Rondò in do maggiore, per Pianoforte – 1783 Bruers 313 – H. 51 – KH. (WoO) 48 – P. 4 – Sch. p. 170/4 -T. suppl. 6.

Il manoscritto originale è perduto. Pubblicato a Spira, 1783, Blumenlese für Klavierliebhaber, Bossler, insieme con la canzone Schilderung eines Mädchens, a cui fa ivi immediatamente seguito e che sola porta il nome di Beethoven. La sua autenticità è però oggi comunemente ammessa. Pubblicazioni moderne: O. Irmer, Klavierstucke, pagina 49; Willy Hess, nono fascicolo dei Supplementi zur GA.9 1965.

CURIOSITA’

Anche per quanto riguarda questo Rondò il manoscritto originale è andato perduto. Pubblicato a Speyer nel 1783, Alexander Wheelock Thayer ne mise in dubbio l’autenticità ma, nel 1899, Max Jakob Friedländer ne sostenne la paternità beethoveniana e oggi è considerato, senza alcuna ombra di dubbio del compositore di Bonn.

I testi delle “CURIOSITA'” sono stati creati da  Daniele Scarpetti. Chi volesse  contattare l’autore, lo può fare tramite il nostro modulo di contatto.

Gli esempi musicali in MIDI di questa pagina sono curati da Pierre-Jean Chenevez. Chi volesse consultare o richiedere questi file, può contattare l’ autore tramite il nostro modulo di contatto.

I testi e i documenti di questa pagina sono stati riveduti da  Cristina  Rapinesi. Chi volesse  contattare il revisore, lo può fare tramite il nostro modulo di contatto.