WoO 31 Fuga a due voci in la maggiore per organo (fortepiano)

In geschwinder Bewegung

WoO 31 – Fuga a due voci in la maggiore per organo (fortepiano), 1783 circa, pubblicata per la prima volta nei Supplemente zur Gesamt Ausgabe, 1888. G.A. Numero 309, (serie 25/46) – Bruers 283 – KH (WoO 31) – Biamonti 6 – Prod’homme 2 – Sch. pagina 169/2 -Thayer 3.

Il manoscritto originale è perduto. Una copia è conservata nella Deutsche Staatsbibliothek di Berlino.

CURIOSITA’

Da un giovane che ricoprì la funzione di vice-organista alla corte di Bonn dal 1784 all’ottobre 1792 e che aspirava a divenire compositore, ci si aspetterebbero molti lavori pensati per  l’organo. Almeno per quello che è a noi pervenuto, invece, Beethoven si dedicò a questo strumento solo in questa piccola opera definita da Teodor Wyzewa: «Lavoro fanciullesco, scorretto, con cattive imitazioni e transizioni, ma tutte animate da un forte soffio di vita» (*) , e in altri due preludi nel 1789 che possono essere eseguiti anche al pianoforte e che, diventarono poi anni dopo l’Opus 39.

(*) ] Amedeo Poggi e Edgar Vallora: Beethoven. Signori il catalogo è questo! Einaudi editore

I testi delle “CURIOSITA'” sono stati creati da  Daniele Scarpetti. Chi volesse  contattare l’autore, lo può fare tramite il nostro modulo di contatto.

Gli esempi musicali in MIDI di questa pagina sono curati da Pierre-Jean Chenevez. Chi volesse consultare o richiedere questi file, può contattare l’ autore tramite il nostro modulo di contatto.

I testi e i documenti di questa pagina sono stati riveduti da  Cristina  Rapinesi. Chi volesse  contattare il revisore, lo può fare tramite il nostro modulo di contatto.