WoO 17 Danze di Mödling (Mödlinger Tänze) per sette o otto strumenti ad arco ed a fiato

I) Walzer – II) Menuett – III) Walzer – IV) Menuett – V) Menuett – VI) Ländler – VII) Menuett – VIII) Ländler – IX) Menuett – X) Walzer – XI) Walzer

WoO 17 – Danze di Mödling (Mödlinger Tänze) per sette o otto strumenti ad arco ed a fiato, estate 1819, pubblicate in partitura a Lipsia, a cura di H. Reimann, Breitkpof & Härtel, 1907, recentemente da Willy Hess nel settimo fascicolo dei Supplemente zur G.A., 1963. Bruers 309 – Hess 20 – KH – (WoO 17).

Il manoscritto originale è perduto. Beethoven avrebbe scritto queste danze nell’ estate 1819 per un comitiva di musicanti che suonavano in un’ osteria di Bruhl presso Mödling, ove egli si trovava allora a villeggiare. Le parti staccate, ritrovate in copia da H. Riemann, sono state da lui pubblicate in partitura come sopra. Il complesso degli strumenti varia da danza a danza; quello degli archi è formato sempre di due violini e di un basso. Pagine semplici, come era nello stile, ma non incolori. Spicca più frequentemente negli strumenti a fiato la parte del primo clarinetto. In questi midi – mp3 è riportata anche la versione per pianoforte solo, pubblicata dal Riemann, nel 1907.

WoO 17 Danze di Mödling (Mödlinger Tänze) per sette o otto strumenti ad arco ed a fiato (Versione Riemann per pianoforte del 1907)

I) Walzer – II) Menuett – III) Walzer – IV) Menuett – V) Menuett – VI) Ländler – VII) Menuett – VIII) Ländler – IX) Menuett – X) Walzer – XI) Walzer

WoO 17 – Danze di Mödling (Mödlinger Tänze) per sette o otto strumenti ad arco ed a fiato, estate 1819, pubblicate in partitura a Lipsia, a cura di H. Reimann, Breitkpof & Härtel, 1907, recentemente da Willy Hess nel settimo fascicolo dei Supplemente zur G.A., 1963. Bruers 309 – Hess 20 – KH – (WoO 17).

Il manoscritto originale è perduto. Beethoven avrebbe scritto queste danze nell’ estate 1819 per un comitiva di musicanti che suonavano in un’ osteria di Bruhl presso Mödling, ove egli si trovava allora a villeggiare. Le parti staccate, ritrovate in copia da H. Riemann, sono state da lui pubblicate in partitura come sopra. Il complesso degli strumenti varia da danza a danza; quello degli archi è formato sempre di due violini e di un basso. Pagine semplici, come era nello stile, ma non incolori. Spicca più frequentemente negli strumenti a fiato la parte del primo clarinetto. In questi midi – mp3 è riportata anche la versione per pianoforte solo, pubblicata dal Riemann, nel 1907.