Opus 44 Variazioni (14) in mi bemolle maggiore per pianoforte, violino e violoncello su tema originale

Thema – Andante

Opus 44 Variazioni (14) in mi bemolle maggiore per pianoforte, violino e violoncello su tema originale op. 44, 1800 circa, pubblicate a Lipsia, Hoffmeister e Kühnel, 1814. GA. n. 88 (serie 11/10) – B. 44 – KH. 44 – L. II, p. 240 – N. 44 – P. 47 – T. 105.

Il manoscritto originale è perduto. A quest’opera il Nottebohm attribuiva la data del 1792 o 1793 avendone trovato un abbozzo in un foglio, scritto di mano di Beethoven, contenente nella seconda e terza pagina quelli per il Feuerfarb. Ma il Thayer-Riemann sulla base di una notizia dello Jahn, che vi siano stati ulteriori abbozzi insieme con quelli del Settimino e di Ich denke dein, in un altro ben noto quaderno (il Grasnick n. 2, del quale si è già detto ai Biamonti 187-196), ha opinato che essa appartenga ad una epoca intorno al 1800 e sia musicalmente legata alla composizione del balletto Die Geschopfe des Prometheus (Le Creature di Prometeo). La figurazione in staccato del tema è per il Thayer-Riemann un altro motivo di avvicinamento alle Creature di Prometeo. Le Variazioni interessano forse più dal punto di vista tecnico e timbrico e della piacevolezza che non per l’intensità dell’espressione. Notiamo la settima (Largo 6/8 in minore) con la figurazione del tema alternata fra violoncello e violino e accompagnata in pedissequo ritmo d’accordi dal pianoforte; la successiva (Un poco Adagio, alla breve) in maggiore, con melodia del pianoforte; la tredicesima (Adagio, nuovamente in minore) di carattere più libero e complesso della settima (si noti nella seconda parte la discesa cromatica della melodia).

Gli esempi musicali in MIDI di questa pagina sono curati da Pierre-Jean Chenevez. Chi volesse consultare o richiedere questi file, può contattare l’ autore tramite il nostro modulo di contatto.