Opus 23 Sonata in la minore, per pianoforte e violino

I) Presto- II) Andante scherzoso, piu’ allegretto – III) Allegro molto.

Opus 23 Sonata in la minore, per pianoforte e violino, op. 23, dedicata al conte Moritz von Fries, 1800-1801, pubblicata a Vienna, Mollo, ottobre 1801. GA. n. 95 (serie 12/4) – B. 23 – KH. 23 – L. II, p. 35 -N. 23 – P. 118 – T. 82.

Il manoscritto originale è perduto. Gli abbozzi si trovano nel quaderno Landsberg. Nella edizione sopra indicata questa sonata figurava, insieme con la successiva in fa maggiore (oggi op. 24), in una unica op. 23 intitolata: Deux Sonates pour le Piano-Forte avec un violon, composées et dediées à Monsieur le Comte Maurice de Fries, ecc. La separazione in due diversi numeri d’opera avvenne posteriormente. Il Presto è d’una certa monotona malinconia nell’insistenza del modo minore e delle forme ritmiche, che la vivacità del movimento non riesce a dissipare. Un momento distensivo è dato dalla parte iniziale dello sviluppo, con la melodia in legato del violino sul basso formato dalle prime due battute del tema. Il secondo tempo prelude lontanamente per qualche aspetto all’Allegretto schermando dell’ Ottava Sinfonia, e per certi leggeri intrecci contrappuntistici s’avvicina ai congeneri della Prima Sinfonia e del Quartetto op. 18 n. 4. Fra gli intermezzi dell’Allegro finale (che per il carattere del ritornello ci riporta nell’atmosfera del primo tempo) spicca il terzo costituito da una di quelle larghe figurazioni a tipo corale di cui abbiamo visto già l’introduzione, ad esempio, nei finali del Settimino e della Sonata patetica, e particolarmente vicina per l’ampiezza e lo svolgimento all’episodio corrispondente del finale del Quartetto op. 18 n. 5 ; ripetuta poi anche in forma abbreviata nella coda. Lo Schering trova l’ispirazione di quest’opera in alcuni episodi di Ervino ed Elmira di Goethe (prima redazione del 1775 in forma di dramma con canto e parti dialogate): Primo tempo: Elmira è triste perché a causa del suo freddo contegno l’amato Ervino l’ha lasciata andando in paese straniero. Il vecchio familiare Bernardo, parlandole di Ervino, suscita in lei desideri e rimpianti — Secondo tempo: La canzone della violetta: Ein Veilchen auf der Wiese stand — Terzo tempo. Ervino in paese lontano, lavorando nel suo giardino e contemplando una pianta di rose appassite, ripensa nostalgicamente all’amata.

Gli esempi musicali in MIDI di questa pagina sono curati da Pierre-Jean Chenevez. Chi volesse consultare o richiedere questi file, può contattare l’ autore tramite il nostro modulo di contatto.