Hess 254 Hol dich der Teufel! (Il diavolo ti porti!), frammento di canone per Ignaz Schuppanzig

Hess 254 – Hol dich der Teufel! (Il divolo ti porti!), frammento di canone per Ignaz Schuppanzig,1801, pubblicato la prima volta a Bonn Veroffenlikugen des Beethovenhauses, VI, 1930, Tavola VII, fac-simile e traduzione di Schiedermair; recentemente a stampa da Mac-Ardle-Misch, Letters, 1956, pag. 26 e da W. Hess nel quinto fascicolo dei Supplementi zur GA., pagina 93 (in realtà è pubblicato a pagina 96 – NdA) . 1962. Biamonti 301 – H. 254.

L’ autografo si trova al principio dell’ ultima pagina del manoscritto della sonata per pianoforte in re maggiore, Opus 28. Sulle stesse parole, o quasi, Beethoven scriverà nel 1819 un altro canone scherzoso per l’ editore Steiner. Il tema si avvicina un po’ a quello del finale della sonata per pianoforte Opus 27 numero 1. Qui è risolto a quattro voci. Per ulteriori approfondimenti, riferirsi al sito www.unheardbeethoven.org