Hess Anhang 3 – Trascrizione sconosciuta della Marsch zur grossen Wachtparade

Marcia militare con altra strumentazione della marcia WoO 24

Hess Anhang 3 – Trascrizione sconosciuta della “Marsch zur grossen Wachtparade” (Marcia per la grande parata della guardia). La marcia è apparsa nella sua forma originale nella Gesamtausgabe (serie 2, n. 15). [Catalogata nel Kinsky/ Halm, a p. 462, come WoO 24 e descritta come marcia in re maggiore per banda militare.] La già Preussische Staatsbibliothek ne possiede una trascrizione per l’organico che segue (dall’alto verso il basso): violini primi e secondi, viole, 2 oboi, un flauto piccolo, 2 flauti, 2 clarinetti in do, 2 fagotti, 2 corni in re, 2 corni in si grave, 4 trombe in re, timpani, 3 tromboni, triangolo, piatti, grancassa, violoncelli e contrabbassi. Da chi è stata fatta questa trascrizione? Sulla prima pagina, tra parentesi, c’è la scritta “Artaria 223”. Il manoscritto sembra aver cambiato proprietario diverse volte, dato che sulla sinistra si trova “Mus. ms. 1261” (o 1201) e al centro “Mus. ms. 1901. 406”. Tutte queste annotazioni sono state ovviamente aggiunte successivamente a matita; nella grafia del copista è scritto solo “Marcia di Beethoven”. Se non è stato Beethoven a fare questa trascrizione, allora chi ha orchestrato la marcia? La risposta alla domanda di Hess sembra che sia stata trovata da Clemens Brenneis in An Orchestral Version of Beethoven’s ‘Marsch zur grossen Wachtparade «Haydn, Mozart and Beethoven, Studies in the Music of the Classical Period: Essays in Honour of Alan Tyson», Clarendon Press, Oxford, 1998, da p. 213. Nel suo saggio, Brenneis sostiene che la marcia è stata trascritta dal barone Eduard von Lannoy per un concerto speciale di beneficenza che si è tenuto a Vienna il 18 aprile 1844.

I testi e i documenti di questa pagina sono stati riveduti da  Cristina  Rapinesi. Chi volesse  contattare il revisore, lo può fare tramite il nostro modulo di contatto.