Franz Liszt

Trascrizioni arrangiamenti e fantasie su opere di Beethoven

Liszt iniziò il suo lavoro nel 1838, ma all’epoca completò soltanto la Quinta sinfonia, la Sesta e la Settima, le cui prime due furono pubblicate da Breitkopf & Härtel mentre la Settima uscì grazie a Tobias Haslinger.[1]

Nel 1843 arrangiò il terzo movimento della Terza sinfonia, che fu poi pubblicato da Pietro Mechetti[2] nel 1850. A Liszt vennero corrisposti 8 franchi per pagina da Breitkopf & Härtel, che per prima aveva commissionato la trascrizione di due sinfonie. Durante i viaggi compiuti in Europa nel 1840 Liszt potrebbe aver dato una qualche notorietà alle trascrizioni delle sinfonie, eseguendole nei concerti.

Con tre sinfonie trascritte, egli accantonò l’opera per 23 anni, in particolare finché la stessa Breitkopf & Härtel non suggerì, nel 1863, all’artista di portarla a compimento in vista di una futura pubblicazione. Allo scopo, Liszt riutilizzò le sue precedenti trascrizioni semplificandone i passaggi, affermando che “più ci si addentra nella conoscenza di Beethoven, più ci si attacca a certe singolarità e si trova che anche dettagli insignificanti non sono privi di valore”. Avrebbe pure annotato i nomi degli strumenti orchestrali che il pianista doveva tendere ad imitare, ed aggiunto indicazioni di pedale e diteggiatura per dilettanti ed esecutori a prima vista.[3]

Mentre Liszt stava tentando di trascrivere per pianoforte solista il movimento corale della Nona, iniziò a “… convincersi dell’impossibilità di far[ne] un arrangiamento per pianoforte… che potesse in qualsiasi modo essere… soddisfacente”. (Ed in effetti nel 1850 aveva completato una trascrizione della Nona sinfonia per due pianoforti.) Tuttavia, in seguito ad un’accorata lettera di Breitkopf & Härtel, fece un ulteriore tentativo.

L’intero gruppo di trascrizioni fu alla fine pubblicato nel 1865, con dedica a Hans von Bülow. L’edizione originale delle sinfonie (trascritte) Quinta e Sesta recava la dedica al pittore e violinista dilettante Jean Auguste Dominique Ingres.[4]

1.^ Collegamenti esterni in punto: Werke von und über Tobias Haslinger im Katalog der Deutschen Nationalbibliothek, su portal.d-nb.de.
O Tobias!, WoO 182 (Beethoven, Ludwig van) beim International Music Score Library Project

2.^ Voce “Mechetti”, di Sivia Gaddini, in Dizionario Biografico degli Italiani – Volume 72 (2008) (Treccani.it)
3.^ Fonti in punto: Laura Beauchamp, The ‘Building Blocks’ of Reading: Suggestions for Developing Sight Reading Skills in Beginning Level College Piano Classes, in Piano Pedagogy Forum, vol. 2, nº 2, Columbia, SC, University of South Carolina School of Music, 1º maggio 1999. URL consultato il 28 luglio 2008..
Ivan Frazier, The Well-Furnished Keyboardist, in Piano Pedagogy Forum, vol. 2, nº 2, Columbia, SC, University of South Carolina School of Music, 1º maggio 1999..
Dianne Hardy, Teaching Sight-Reading at the Piano: Methodology and Significance, in Piano Pedagogy Forum, vol. 1, nº 2, Columbia, SC, University of South Carolina School of Music, 1º maggio 1998..
Alberto Manguel, The Silent Readers, in A History of Reading, New York, Viking, 1996..
Kevin McNerney, My UNT Degrees Came In Handy Tonight, in The Musings of Kev: Random Thoughts and Rants from an Everyday Saxophonist (Blog), 2 maggio 2008..
Dorothy Payne, Essential Skills, Part 1 of 4: Essential Skills for Promoting a Lifelong Love of Music and Music Making, in American Music Teacher, Cincinnati, OH, Music Teachers National Association, febbraio/marzo, 2005.
Dneya Udtaisuk, A Theoretical Model of Piano Sightplaying components (PDF)[collegamento interrotto], Diss. U. of Missouri-Columbia, maggio 2005, pp. 54–55..
Bower, Bruce. “For Sight-Reading Music, Practice Doesn’t Make Perfect : Discovery News.” Discovery News: Earth, Space, Tech, Animals, History, Adventure, Human, Autos. Science News, 18 June 2010. Web. 15 Dec. 2011. . “Short-Term Memory and Working Memory – Types of Memory – The Human Memory.” The Human Memory – What It Is, How It Works and How It Can Go Wrong. Web. 8 Dec. 2011. . HAMBRICK, DAVID Z., and ELIZABETH J. MEINZ. “Sorry, Strivers: Talent Matters.” The New. 19 Nov. 2011. Web. . Lee, Ji Ln. “THE ROLE OF WORKING MEMORY AND SHORT-TERM MEMORY IN SIGHT READING | Mendeley.” Free Reference Manager and PDF Organizer | Mendeley. Mendeley, Sept. 2003. Web. 15 Dec. 2011. . “Working Memory Definition – Medical Dictionary Definitions of Popular Medical Terms Easily Defined on MedTerms.” MedTerms.com. MedicineNet, 27 Apr. 2011. Web. 10 Dec. 2011. .
4.^ Grove’s Dictionary of Music and Musicians, 5th ed, 1954, Vol. V, p. 299: Franz Liszt: Catalogue of Works

I testi e i documenti di questa pagina sono stati riveduti da  Cristina  Rapinesi. Chi volesse  contattare il revisore, lo può fare tramite il nostro modulo di contatto.