Beethoven-Album : ein Gedenkbuch (1846)

Beethoven-Album : ein Gedenkbuch dankbarer Liebe und Verehrung für den großen Todten ; gestiftet und beschrieben von einem Vereine von Künstlern und Kunstfreunden aus Frankreich, England, Italien, Deutschland, Holland, Schweden, Ungarn und Rußland.

Beethoven- Album: un libro di commemorazione, grato  amore e venerazione per il grande scomparso, da parte di un’Associazione di artisti e amanti dell’arte provenienti da Francia, Inghilterra, Italia , Germania, Olanda , Svezia, Ungheria e Russia . Stoccarda , Hallberger’sche Verlagshandlung, in collaborazione con Parigi , Bureau Central de musique , Londra , Ewer & Co. , Milano, G. Ricordi”, ( 1846).

In 4to ( 26 x 18.5 cm)  XVI , 312 pp Con ritratto frontespizio in Incisione su acciaio .

Pubblicato a seguito dei festeggiamenti  per l’inaugurazione della statua di Beethoven a Bonn avvenuti l’anno prima, (dal 10 al 12 agosto 1845) in presenza del re di Prussia e la Regina d’Inghilterra. Il progetto fu già pensato nel 1835, ma le scarse donazioni avevano impedito la realizzazione fino a quando finalmente Franz Liszt (il suo contributo è a pagine 274/77 ) formò un comitato dopo aver avuto i finanziamenti dal banchiere Mertens – Schafhausen.

A segno di “duraturo ricordo” di quei tre storici giorni furono composte queste musiche e pubblicato questo libro a cura della casa editrice Luigi Hallberger e il musicologo Gustav Schilling (1805-1880):

“Beethoven ennesimo monumento degno ,
che , accessibile a tutti , anche può essere per tutti, sempre …
un visibile segno del grande amore e venerazione ” .

Un altro Album-Beethoven degno di nota, e molto più raro, è il:
ALBUM-BEETHOVEN. Dix Morceaux brillants pour le Piano composés par Messieurs Chopin, Czerny, Döhler, Henselt,  Kalkbrenner, Liszt, Mendelssohn Bartholdy, Moscheles, Taubert et Thalberg, et publiés par l’Editeur P. Mechetti pour contribuer aux Frais du Monument de Louis van Beethoven à Bonn. Vienne, Mechetti (PN 3593-3608) [Febr. 1842]

Pubblicato nel 1842, i proventi ( 1304 Taler e 15 pence) furono destinati esclusivamente al monumento.

Tra le varie prime edizioni che sono inserite in questo album è da notare: la marcia funebre di Beethoven della Sinfonia No. 3 trascritta da Liszt ( Raabe n ° 128 ), l’Op. 45 di Chopin (” Prélude pour le Piano” ; Platzman 2nd ed . p . 176) e le “17 Variations sérieuses” Op. 54  di Mendelssohn ( Wehner S. 343 ). Questo è il contributo della casa editrice viennese Mechetti per il monumento a Beethoven a Bonn.

Attualmente ve ne contano pochissime copie.

Questo rarissimo libro sarà oggetto,  sempre sul nostro sito, di uno studio dedicato.

Non trascurabili, infine, le varie voci relative al monumento a Bonn “Almeno il monumento di Beethoven a Bonn è un segnale di attenzione per il semplice, ignorante vagabondo ” (Alster , p.131 ) o quello di L. C. Beckmann , Amsterdam (p. 149 ) che scrive:
“Si erige un monumento per te … Come se si teme di dimenticare la tua musica … Poi si paga maggior onore al maestro più che da una somiglianza di pietra , , ‘ Nella sua musica la sua mente rivive ‘”.

Degno di nota anche in contributo del musicista Barone di Lannoy ( p. 98) con riferimento al Beethoven politico in occasione della cancellazione della dedica dell’Eroica a Napoleone e il contributo di E. von Heydebrand (ufficiale prussiano in Oels , p . 228 )

” Nel profondo del mio petto io silenziosamente conservo in una forte ammirazione per quello che la parola e la penna non sono sufficienti per me ! “


Questo libro, che si può scaricare anche in formato PDF dal nostro sito, è considerato della più grande rarità sul mercato librario e musicale.

Fu chiamato tuto il mondo artistico dell’ epoca per scrivere per brevi contributi. L’album è allo stesso tempo un riflesso della vita musicale con molti contenuti pubblicati per la prima volta . Un esempio è  il pezzo “Mai stampato; scoperto da A. Geissler , cantore in Zschopau ” di Wolfgang Amadeus Mozart  ” Die Nase” , composto per la moglie  .

Non meno importante sono le tre pagine di ricordi della incantevole Schröder- Devrient, che all’età di 17 anni, aveva cantato nel Fidelio, e qui cita in particolare l’ ultima prova con la direzione del Maestro.

Tra i 180 contributi musicali si possono citare  le 7 pagine in musica di Meyerbeer di una poesia di Ferd. Braun, alla tomba di Beethoven,  Léon Kreutzer, (nipote di Rodolphe), di Tobias Haslinger e Carl Haslinger con 2 pagine “Hommage à Hector Berlioz”.

Per l’Italia vi sono i contributi di Teresa Milanollo (1827-1904) e sua sorella Maria (1832-1848), celebri violiniste saviglianesi. Forse tutto nasce dal loro incontro con Liszt nel 1843, quando ebbero l’onore di suonare insieme al grande musicista a Colonia.

E del compositore e direttore d’orchestra Gaspare Spontini proprio qualche anno prima della sua morte avvenuta nel Gennaio 1851.

Infine non rimane che menzionare un’altra pubblicazione di Herrmann Josef Landau:

Erstes poetisches Beethoven-Album : zur Erinnerung an den großen Tondichter und an dessen Säcularfeier, begangen den 17. Dezember 1870– Prag : Selbstverlag des Verfassers, 1872. – XIV, 450 S.

Pubblicata in occasione del centenario della morte di Beethoven contiene moltissimi saggi, scritti su Beethoven e la sua musica, alcuni pubblicati per la prima volta. I contributi arrivano da tutta la Germania e Austria con narrazioni dei concerti tenutosi per il Centenario in diverse città. L’Italiano Filippo Filippi partecipò alla cerimonia in Vienna e il suo resoconto è ben dettagliato nel suo scritto “Musica e Musicisti”.

Anche questo libro si può scaricare in esculusiva sul nostro sito.

Testo e proprietà’ dei singoli volumi:
Luigi Bellofatto
036 Lied “Unter den dunkeln Linden”, per voce e piano.

Il Lied “Unter den dunkeln Linden”, per voce e pianoforte è disponibile in PDF nella sua versione integrale.

053 Gebet – Canto per due Soprano, tenore e basso

II corale “Gebet” è stato da me riprodotto inizialmente così come lo troviamo nel libro. Però non suonava giusto ed anche armonicamente era un po’ troppo osé. c’era poi nel tenore quel bequadro ingiustificato e nei soprani la chiave di do ma non nel tenore. Ho quindi provato a cambiare chiave al tenore senza però cambiare la posizione delle note. si è naturalmente spostata tutta la parte 1 nota sotto. Ho infine cercato di interpretare anche il bequadro finale dei soprani II. (non ha senso) e non ha nemmeno senso che i Soprani I cantino mi re re  do ed i II re mi re do (!!) (pure le ottave parallele!! fatte per di più da un Kapellmeister!!!!!) e se fosse un altro errore di stampa? Ho quindi provato a scrivere sol fa# fabequadro mi re. scambio di parti re-mi nei II mi-re nei I (brutto) e se avessero sbagliato tutto in fase di editing di stampa? potrebbe quindi essere sol fa# fabequadro sol  fa mi ? (eccellente!)

096 Abendlied von Göthe per quattro voci soliste

Abendlied von Goethe per quattro voci soliste (note sul Lied):,Questo Lied è stato scritto da Johannes Daniel Falk (1768 – 1826) nel 1817 con il Titolo, “Unter allen Wipfeln ist Ruh” (musicato anche da Kuhlau) è sulla falsariga del Wandrers Nachtlied II di W. Goethe del 1780 musicato tra l’altro da Schubert.
Si dice che Goethe scrisse questo Lied sul muro di una cabina da guardiacaccia nella foresta in cima al Kickelhahn vicino a Ilmenau dove passò la notte.

124 Quattro abbozzi di Beethoven

Minuetto in si minore. (Hess 331) Si trova a pagina 61 dello sketchbook “Grasnick 2”, conservato alla Preussische Staatsbibliothek di Berlino. Questo skizzenbuch include gli abbozzi per il sei quartetti per archi, op. 18. Dal momento che questo è più o meno contemporaneo con altre serie di danze per pianoforte, orchestra e trio d’archi, questo minuetto può essere considerato come uno schizzo per un minuetto che avrebbe fatto parte di una di queste serie di danze. Dopo un esame del taccuino, abbiamo scoperto che l’ abbozzo sembrerebbe continuare oltre il punto pubblicato nel Beethoven-Album.

Pastorella in re maggiore (Hess 332): Questa composizione (in realtà solo una linea melodica) compare tra schizzi per il Quartetto op. 18 nr. 5, e può essere messa in relazione al quartetto. Il pezzo è costituito da due frasi di otto battute, ognuna con ritornello. Si trova a pagina 67 dello sketchbook “Grasnick 2”, conservato alla Preussische Staatsbibliothek di Berlino. Questo skizzenbuch include gli abbozzi per il sei quartetti per archi, op. 18.

Presto (Hess 333)- Abbozzo di inizio di composizione. Una sola voce nel pentagramma. Compare tra schizzi per il Quartetto op. 18 nr. 5, e può essere messa in relazione al quartetto. Il pezzo è costituito da due frasi di otto battute. Si trova a pagina 67 dello sketchbook “Grasnick 2”, conservato alla Preussische Staatsbibliothek di Berlino. Questo skizzenbuch include gli abbozzi per il sei quartetti per archi, op. 18. Dopo un esame del taccuino, abbiamo scoperto che l’ abbozzo sembrerebbe continuare oltre il punto pubblicato nel Beethoven-Album.

Minuetto-Presto in La maggiore (Hess 334). Questo inizio di composizione ha solo la prima e la seconda parte di violino. Compare tra schizzi per il Quartetto op. 18 nr. 5, e può essere messa in relazione al quartetto. Il pezzo è costituito da undici battute. Si trova a pagina 67 dello sketchbook “Grasnick 2”, conservato alla Preussische Staatsbibliothek di Berlino. Questo skizzenbuch include gli abbozzi per il sei quartetti per archi, op. 18.

Potete trovare questi quattro abbozzi anche in quest’ altra parte del sito.